Come registrare il proprio marchio commerciale in Cina

La registrazione il tuo marchio commerciale in Cina costa poco ed e’ essenziale!

Vorrei registrare il mio marchio in Cina ma non so da dove partire, come fare e quanto costa

 

Una premessa: la tutela del marchio commerciale in Cina e’ sostanzialmente identica a quella in altri paesi, con la differenza che questa ha effetto principalmente se e’ stato registrato nel Paese.

Quindi un marchio registrato internazionalmente non sara’ riconosciuto nel caso una terza parte abbia gia’ provveduto a registrarlo in Cina.

Registrazione del marchio commerciale in Cina

REGISTRARE MARCHIO IN CINA

Nonostante da maggio 2014 sia stato introdotto nella legislazione cinese il riconoscimento del “preuso del marchio”, questo non mette il legittimo titolare al sicuro.

La questione infatti non e’ tanto facilmente risolvibile per via legale (oltre a sommare costi e tempi della causa).

Solitamente in questi casi si arriva a contrattare una buonuscita al registrante del marchio in Cina per dirimere in maniera piu’ rapida la questione.

Nel caso in cui invece il marchio registrato in Cina sia gia’ usato commercialmente, la questione si complica ulteriormente.

Una pratica molto diffusa e’ quella infatti nota come trademark squatting: l’appropriazione dei diritti di un marchio altrui registrandolo per primi in Cina.

Considerato che il principio seguito dalla legislazione locale e’ quello del “first to file”, cioe’ del precedente deposito, il vantaggio chiaramente e’ di usare un marchio noto per commercializzare i propri prodotti. O anche solo di poterlo cedere eventualmente per una congrua cifra al legittimo proprietario.

Chi deve farlo e quando

Per eliminare il rischio di vedersi coinvolti in una disputa legale e’ quindi consigliabile registrare il proprio marchio commerciale in Cina prima possibile.

Soprattutto per quelle aziende operanti nel settore moda o alimentare che possano attrarre le attenzioni per via dell’immagine “made in italy”.

Non importa se gia’ vendete in Cina o meno. Potrebbe essere gia’ troppo tardi. La cosa va fatta in anticipo, sia in vista di un arrivo in Cina dei propri prodotti che di una collaborazione con un parter locale per lo sviluppo del mercato. 

Idem se avete in programma di partecipare a fiere in Cina o altrove per cercare importatori o clienti.

Registrare il vostro marchio e’ un passo che dovreste immancabilmente aver gia’ fatto per ovvi motivi. Supponiamo che troviate uno o piu’ soggetti interessati a rappresentare in esclusiva il vostro marchio o a entrare in partnership. Non sarebbe una buona partenza scorprire che e’ gia’ usato da altri. 

Voi direte che la probabilita’ che qualcuno rubi cosi’ il vostro marchio non e’ altissima.

Pero’ il sistema nazionale di registrazione, per evitare la distorsione percettiva del mercato su nomi e immagini di prodotti, puo’ negare la registrazione anche se e’ molto simile a qualcosa di gia’ esistente in Cina.

Facendo un esempio, se il vostro marchio e’ ipoteticamente ANNA OMEGA, se risulta gia’ registrato qualcosa come ANNA MAGA quasi certamente sara’ rifiutata la vostra richiesta, all’interno della stessa categoria.

Come ottenere la protezione del marchio in Cina?

Per prima cosa va fatta domanda localmente in Cina presso il Sistema di Registrazione Nazionale, oppure attraverso il sistema internazionale. Un soggetto estero ha bisogno di un agente ufficiale come rappresentante per fare la domanda in Cina.

Una volta accettata, le autorita’ esamineranno attentamente la questione su tre principi:

  • correttezza formale della domanda
  • distinzione del marchio
  • preesistenza di marchi uguali o simili.

Approvata la domanda, sara’ pubblicata sulla Trademark Gazette per quella che e’ chiamata “opposition purpose”. Un soggetto che potrebbe ritenersi danneggiato da questa registrazione potra’ opporsi portando il suo caso all’esame dell’Autorita’.

Quindi, prima del deposito della domanda di registro, va fatta una preventiva ricerca di anteriorita’. Assicurarsi che non esistano marchi simili o uguali e che il vostro marchio sia in conformita’ con le norme di accettazione ai sensi della legge cinese. Cosa che fa l’agenzia incaricata della registrazione.

Fatto questo, non e’ da tirare i remi in barca e starsene tranquilli ad aspettare. Anche se avete depositato con successo la vostra domanda e siete in attesa del riconoscimento, e’ consigliabile eseguire dei controlli sulle apposite banche dati per verificare che qualcuno successivamente non abbia avviato pratiche di registrazione su nomi simili al vostro.

E’ vero che in teoria l’Autorita’ potrebbe rifiutarli vista la similarita’ con il vostro ma non e’ sbagliato intervenire parallelamente segnalando la vostra opposizione. Non sono infallibili nemmeno loro…

trademark_3L’intero procedimento dura circa 12 mesi prima di avere il riconoscimento ufficiale. Nel frattempo avrete pero’ gia’ avanzato la vostra richiesta che, come detto, ha priorita’ su altre che potranno essere avanzate successivamente (first to file).

La durata della registrazione e’ di 10 anni, rinnovabile per altri 10.

Nello spazio di 3 anni dopo l’effettiva registrazione e attribuzione del marchio, se non venisse utilizzato in alcun modo nel territorio cinese potra’ avvenire una revoca della registrazione.

Ok, ora che avete ottenuto la registrazione ufficiale del vostro marchio in Cina non e’ che siate in una botte di ferro.

E’ consigliato eseguire ogni tanto delle ricerche su siti di e-commerce nazionali per esempio per verificare eventuali utilizzi impropri del vostro marchio.

Se necessario, agire per vie legali o anche solo prendendo contatto con i gestori delle piattaforme provando la vostra proprieta’ e richiedendo la rimozione dei prodotti.

Un giro di chiave in piu’ che potrete dare per la vostra sicurezza e’ avanzare anche la registrazione dei propri marchi di proprieta’ intellettuale presso la locale Amministrazione Generale delle Dogane, per monitorare eventuali ingressi e uscite di prodotti con il vostro marchio.

Quanto mi costa registrare un marchio in Cina?

Molto, molto, molto meno di quanto costerebbe doversi battere in tribunale per riaverlo: una verifica gratuita sulla disponibilita’ del tuo marchio in Cina non costa nulla, e’ gratis!

contattaci qui anche solo per una verifica gratuita

 

Cosa può essere registrato e come

Non e’ detto che tutti i marchi possano essere registrati in Cina.

Innanzitutto devono avere un requisito minimo di distinzione, quindi grafica distinguibile da quelli di terzi, comprese parole, immagini, lettere e simboli o colori.

In poche parole, uno che voglia registrare qualcosa come una A rovesciata non e’ che avra’ tante possibilita’ di successo. Il lavoro grafico deve essere chiaramente distinguibile da altri e non assimilabile ad altri.

Questo comprende i nomi gia’ registrati, naturalmente.

Non sono registrabili inoltre marchi che riportino simboli nazionali cinesi, localita’ organizzazioni, nomi di citta’ o emblemi nazionali cinesi. Naturalmente e’ bene considerare anche la classe di prodotto sotto cui effettuare la registrazione. Sempre come esempio, se il vostro marchio ricade sotto gioielleria non sarebbe sbagliato registrarlo anche sotto “accessori” e “abbigliamento”.

La registrazione in Cina non copre le regioni ad amministrazione speciale di Hong Kong e Macao. La situazione si applica ovviamente anche nel caso contrario.

Non solo marchio, anche nome 

Non va dimenticato che la lingua nazionale e’ il cinese ovviamente, e che la maggior parte della gente non legge i caratteri latini.

Un marchio di una azienda cinese avra’ pertanto una immagine e una grafica e il nome dell’azienda o del prodotto in caratteri cinesi.

Secondariamente magari anche in caratteri latini, se e’ rivolta al mercato straniero.

I marchi internazionali di solito non riportano i caratteri cinesi.

Per una localizzazione efficace del proprio marchio e prodotto e’ necessario abbinare anche una denominazione in lingua locale.

Accanto alla registrazione del marchio e del nome dell’azienda o prodotto in lingua originale sarebbe opportuno effettuare anche la registrazione del nome scelto in cinese.

Ora, non c’e’ niente di matematico in questo, qualsiasi nome straniero, anche Coca Cola puo’ essere trascritto in cinese in tanti modi e con caratteri diversi. Sta a Coca Cola sceglierne uno e renderlo ufficiale attraverso campagne di marketing nella mente della gente. Oltre al fatto di segnarlo come esclusivo di fronte alla legge cinese.

Questa operazione di registrazione del nome cinese potete farla anche in seguito, visto che non avete ancora idea di come e quando entrerete nel mercato cinese, dato che il vostro nome straniero puo’ essere traslato in diversi modi in cinese.

Per maggiori informazioni sulla registrazione del marchio in Cina: Contattaci

 

 

Written by

By Mandarina Servizi Shanghai

No Comments Yet.

Leave a Reply

Message

WhatsApp Chat su WhatsApp